Indagini di Laboratorio parte 2

. Postato in Control Easy

Rx Torace

La radiografia del torace permette di osservare: bronchi, polmoni, mediastino, ombra cardiaca e grossi vasi.

Questo esame consente di evidenziare infezioni, tumori, lesioni, alterazioni e malformazioni.

ECG (elettrocardiogramma)

L’ECG permette di evidenziare la sofferenza di irrorazione, le alterazioni di ritmo e di volume delle varie parti del cuore. Serve ad indagare sulla funzionalità cardiaca attraverso lo studio dei fenomeni elettrici che accompagnano il ciclo di contrazione e rilassamento del muscolo cardiaco.

PAO (pressione arteriosa omerale)

Viene rilevata con un apposito strumento chiamato sfigmomanometro.
Valori nomali: sistolica 105 - 140 • diastolica 60 - 85

La pressione massima è detta sistolica mentre quella minima è detta diastolica. La pressione sistolica è quella pressione che il sangue esercita sulle pareti delle arterie in seguito alla contrazione del muscolo cardiaco (sistole). La pressione diastolica è quella pressione che il sangue esercita sulle pareti delle arterie nell’intervallo tra due sistoli (Diastole).

La costante presenza di valori pressori elevati è detta Ipertensione. La ipertensione è considerata una malattia in quanto causa di danno agli organi corporei (specie a vasi sanguigni, cuore, reni, retina). L’ipertensione può essere secondaria ad altre malattie o a insorgenza spontanea (ipertensione primitiva). L’ipertensione è una malattia molto pericolosa in quanto non dà segni di sé, se non tardivamente (gli americani la chiamano “The silent killer” ). È alla base di infarti del miocardio, emorragie cerebrali, aneurismi e loro rotture, emorragie retiniche ecc. Valori pressori costantemente bassi si indicano come Ipotensione; questa situazione di norma non è considerata una malattia.

 ALT (GPT)

(alanina amino - transferasi) Nota come transaminasi.
Valori normali: 3 - 40* Ul/L (in alcuni laboratori può arrivare fino a 60 Ul/L)

Si tratta di una proteina (enzima) contenuta nelle cellule ed utilizzata per la trasformazione degli zuccheri in energia. Sono particolarmente ricche di questo enzima le cellule del fegato, del cuore del rene e del muscolo. Si riscontra un aumento di questo enzima libero nel sangue in seguito a processi di sofferenza o di distruzione delle cellule. L’ALT è elevata nell’epatite acuta. Svariate sono le situazioni patologiche che provocano un aumento delle ALT: nell’ittero ostruttivo, nella epatite cronica, nella neoplasia epatica, nella cirrosi, nell’infarto del miocardio, nella mononucleosi infettiva, nell’ittero emolitico e nella epatopatia alcolica. L’ALT è diminuita nell’insufficienza renale, nella carenza di B6.

Banner

Copyright © 2013 www.avistropea.it - by: cfInformatica
Via Campo di Sotto c/o Ospedale civile - Tel. +39.0000.000000
CF: 96018900793 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.