Indagini di Laboratorio parte 1

. Postato in Control Easy

La legge 219 del 27 ottobre 2005 disciplina la donazione del sangue e degli emocomponenti.

Il D.M. del 3/3/2005 è il decreto che disciplina le caratteristiche e modalità per la donazione di sangue ed emocomponenti, impone che vengano effettuati, ad ogni donazione di sangue, su ogni volontario almeno i seguenti esami di controllo: emoglobina o ematocrito, misurazione della PAO, Alt, sierodiagnosi per la Lue, Anticorpi anti HIV 1 e 2, Anticorpi anti HCV, ricerca dell’HbsAg.

Ogni tre donazioni per gli uomini e ogni due per le donne si aggiungono inoltre: Emocromo completo, VES, Azotemia, Creatininemia, Glicemia, Colesterolemia, Trigliceridemia, Gamma GT, Ferritinemia o Sideremia. L’ECG ed eventualmente la radiografia del torace vengono effettuati all’accertamento iniziale dell’idoneità a donare e poi ogni volta che il medico lo ritiene necessario.

 Emoglobina

Valori Normali: maschi 13.5 -16 g/dl  -  femmina 12.5 - 15 g/dl

L’emoglobina, contenuta nei globuli rossi, è una proteina essenziale per il trasporto dell’ossigeno ai tessuti. L’emoglobina capta l’ossigeno durante il passaggio del globulo rosso nei polmoni e lo rilascia a livello degli organi.

La carenza di emoglobina è detta anemia. L’anemia può essere provocata da: perdite acute o croniche di sangue; ridotta produzione di globuli rossi per carenze di ferro, rame, cobalto, vitamina B12, acido folico o per insufficienza midollare; eccessiva distruzione per anemie autoimmuni, valvulopatie cardiache, ecc.; anomalie dell’emoglobina (talassemia, anemia falciforme), malattie renali, epatopatie, morbo celiaco, malattie della tiroide, malattie croniche, neoplasie. Il tasso di emoglobina è altresì ridotta nella gravidanza.

 L’aumento di emoglobina è invece detto policitemia a stimolazione. La policitemia può essere ad insorgenza spontanea oppure essere secondaria a malattie cardiache o polmonari, a situazioni particolari (soggiorno in alta quota), stimolazione di sostanze chimiche o di farmaci.

 Ematocrito

Valori Normali: maschi 40 - 50%  -  femmine 36 - 47%

L’ematocrito definisce il rapporto fra parte cellulare (globuli rossi, globuli bianchi, piastrine) e parte liquida (plasma) del sangue. L’ematocrito è basso nelle anemie ed in tutte quelle condizioni in cui c’è una riduzione dei globuli rossi. L’ematocrito è elevato nella policitemia vera e nella disidratazione.

 Emocromo Completo

È un insieme di parametri tendenti a valutare la parte cellulare del sangue: comprende il conteggio dei globuli bianchi “WBC” (numero dei globuli bianchi) ed i rapporti percentuali fra i vari tipi di leucociti, (granulociti neutrofili “ neu” , eosinofili “eos” e basofili "bas” , linfociti “ lyn” e monociti “mon” ), il conteggio dei globuli rossi “RBC” , il valore dell’emoglobina “Hb” e dell’ematocrito “Hct” , il volume dei globuli rossi “MCV” , la concentrazione della emoglobina negli eritrociti “MCH, MHC” ed il conteggio delle piastrine “ PLT” . Ad alterazione di uno di questi parametri corrispondono varie situazioni patologiche che vanno valutate dal medico.

 

Banner

Copyright © 2013 www.avistropea.it - by: cfInformatica
Via Campo di Sotto c/o Ospedale civile - Tel. +39.0000.000000
CF: 96018900793 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.